Prenotazione
DIRETTA

Una panoramica
dei vantaggi

  • Prenotazione delle ultime camere disponibili
  • Prenotazione di offerte last minute
  • Sfizioso pranzo a buffet, utilizzo delle piscine e accesso all’area sauna il giorno della partenza
  • Disponibilità di tutte le tipologie di camere
  • Consulenza individuale e pacchetti su misura
  • Flessibilità riguardo a richieste speciali
  • Informazioni attendibili e aggiornate
Prenotate ora
la vostra vacanza!


Escursioni guidate vicino a Merano, Alto Adige

Trekking per veri intenditori

Il theiner’s garten rappresenta il punto di partenza perfetto per escursioni guidate vicino a Merano in Alto Adige. Potrete scoprire gli itinerari più suggestivi, conquistare montagne maestose e sostare in rifugi dal fascino autentico. Il territorio altoatesino è una meta escursionistica conosciuta in tutto il mondo per la sua bellezza e varietà senza eguali.

Escursioni guidate

Ogni settimana, organizziamo almeno due escursioni con una guida alpina qualificata della scuola di alpinismo MeranAlpin o con il proprietario Walter Theiner.

Consulenza

Il nostro esperto in materia Walter Theiner è sempre pronto ad assistervi nella scelta e pianificazione dei tour. Inoltre, saremo lieti di fornirvi materiale cartaceo, proposte di itinerari e tutte le informazioni di cui avrete bisogno presso la reception.

Deposito scarponi

Con asciuga-scarponi. Così i vostri compagni di avventura saranno sempre pronti per essere indossati.

Bastoncini e zaini

Mettiamo a vostra disposizione gratuitamente gli accessori necessari per esplorare la montagna.

Servizio lavanderia

Per mantenere sempre pulito il vostro abbigliamento tecnico, potrete usufruire del nostro servizio lavanderia (a pagamento).

Trekking fino all’ultimo

Sfruttate ogni secondo della vacanza e concedetevi un’ultima escursione anche il giorno della partenza, usufruendo dell’area wellness e delle nostre docce prima di salutarci.

Il nostro partner: la scuola di alpinismo MeranAlpin

Vivere la montagna con amici: questo il motto della scuola di alpinismo MeranAlpin. Una filosofia con cui ci identifichiamo pienamente. La scuola può ormai contare su oltre 30 anni di esperienza. Le guide alpine ed escursionistiche, oltre ad essere altoatesine al 100%, conoscono gli scenari montani locali come le proprie tasche e condividono la seguente massima di Baden Powell: “Non esiste buono o cattivo tempo, ma solo buono o cattivo equipaggiamento”. Per ogni escursione è presente una check list, disponibile qui per il download.

Esplorando la montagna con Walter Theiner

I nostri ospiti abituali lo sanno bene: le montagne sono la passione più grande di Walter Theiner. Per lui, ogni occasione è buona per intraprendere un’escursione. Come guida alpina qualificata, fornisce sempre preziose informazioni. In più, “sforna” interessanti aneddoti, rendendo ancora più piacevoli le esperienze nella natura. Una volta l’anno, organizza perfino un tour di più giorni, con pernottamento in rifugi.

Tutti i tour

difficoltà bassa

Gola Rastenbach

Dall’area sportiva di Castelvecchio, dopo 100 metri sulla sinistra si trova un piccolo parcheggio con il cartello “Bärental”. Attraverso la Valle degli Orsi si scende rapidamente tra i boschi fino all’ingresso della gola Rastenbach. Dopo una piccola deviazione alla cascata, si sale una scalinata fino a un bel punto panoramico e si prosegue fino alle rovine della Basilica di San Pietro (III-VI sec.). Poi attraverso l’Europabrücke si raggiunge il paese di Castelvecchio con la sua bella chiesa gotica degna di una visita. Si ritorna al punto di partenza attraverso un piacevole sentiero quasi pianeggiante.

Ecco il video.

Tutti i tour

difficoltà alta

Tour alla Punta Cervina

Da Klammeben (stazione a monte della funivia Hirzer), seguiamo il sentiero 40, prima lungo un breve tratto roccioso in discesa poi attraverso i pendii senza particolari dislivelli fino al rifugio Hirzer. Da qui prendiamo il sentiero 5 verso est per la Malga Hirzerhütte Tallner Alm. Seguiamo il segnavia 4/7 lungo un tratto di media pendenza attraverso pendii erbosi. Il percorso si fa più scosceso e avanziamo lungo il sentiero a serpentina su un tratto ghiaioso e roccioso fino alla forcella di Punta Cervina. Infine, arriviamo sul tratto finale per la cima superando un breve tratto esposto e conquistiamo la vetta senza difficoltà attraverso il ripido fianco sud-occidentale della montagna. La discesa avviene lungo lo stesso percorso della salita.

Tutti i tour

difficoltà alta

Tour sul Monte Muta

Da Tirolo, località situata nei pressi di Merano, prendiamo la funivia per raggiungere l’albergo “Hochmuth”. Da qui procediamo in direzione est sull’alta via 22, attraversando pendii boscosi in leggera salita fino all’albergo “Mutkopf” sulla cresta orientale della montagna. Proseguiamo lungo la forestale 22/23, attraverso il dorsale del monte, fino al bivio, dove è presente un’edicola. Prendiamo il sentiero 23 e risaliamo la cima senza grandi difficoltà lungo la ripida cresta orientale. Per la discesa è preferibile seguire lo stesso percorso della salita. Dall’albergo “Mutkopf” è possibile scendere anche lungo la via della Muta (“Muter Weg”) (segnavia 23) per Tirolo.

Tutti i tour

difficoltà alta

Campanili del Latemar (Dolomiti)

Raggiungiamo Obereggen (ca. 45 min.) e prendiamo la seggiovia per Oberholz (ca. 2.100 m). Da qui affrontiamo la ripida ascesa tra le torri del Latemar, raggiungendo prima la Forcella dei Camosci e, poi, il rifugio Torre di Pisa (2.671 m). La nostra escursione circolare si conclude sul versante meridionale del gruppo montuoso. Infine, facciamo ritorno alla stazione a monte della seggiovia.
Tour impegnativo che richiede passo sicuro e buone scarpe da trekking.

Tutti i tour

difficoltà alta

Catinaccio (Dolomiti): sentiero Hirzel - Passo Vaiolon

Al Passo di Carezza, prendiamo la seggiovia per il Rifugio Paolina (2.127 m). Imbocchiamo il sentiero Hirzel e affrontiamo la ripida ascesa al Passo Vaiolon (2.560 m). Dopo aver scollinato, procediamo verso il Rifugio Roda di Vael. L’attraversamento del valico richiede un passo sicuro e l’assenza di vertigini. Chi non se la sente, può raggiungere il rifugio camminando piacevolmente sul sentiero Hirzel. Il ritorno al Rifugio Paolina avviene sempre lungo il suddetto sentiero.

Tutti i tour

difficoltà alta

Monte Macaion

Gargazzone-Lana-Passo Palade-San Felice-Lago di Tret-Monte Macaion
Il punto di partenza dell’escursione è San Felice (ultima località germanofona della Val di Non). Percorriamo il sentiero 9 fino al Lago di Tret, situato in uno scenario incantevole. Seguiamo per ulteriori due ore il segnavia 512, che si interseca con il sentiero 7 a una forcella. I sentieri 512 e 7 portano al Monte Macaion (1.866 m), l’enorme naso di roccia che cattura lo sguardo a sud dal theiner’s garten. Discesa: Proseguiamo l'escursione sul sentiero nr. 500 in direzione sud. Ci troviamo su un sentiero forestale che conduce come sentiero nr. 513 a Fondo. Restiamo sul sentiero forestale, finche si divide. A sinistra prosegue il nr. 513, quello a destra non è numerato. Imbocchiamo il sentiero a destra, cioè quello senza numero che ci riporta sulla via di salita.

Ecco il video.

 

 

Tutti i tour

difficoltà alta (900 m di dislivello)

Da Gargazzone a Verano

Dal theiner’s svoltiamo a sinistra e, poi, imbocchiamo Via Verano a destra. Superiamo alcune case e un ponticello (segnalato), giungendo sull’altra sponda del Rio Eschio. Proseguiamo lungo tratti ripidi e tortuosi fino ai masi di Morosing, Pfrontscher e Steger. La vista sulla gola del rio è un vero must. Il tour prosegue sullo splendido passaggio pedonale che conduce alla stazione a monte di Verano. Prendiamo la funivia per Postal. Da qui restano solo 3 km, da percorrere lungo il marciapiede e attraverso i frutteti accanto alla strada.

Tutti i tour

difficoltà media

Corno Bianco

Raggiungiamo il Passo di Lavazè-Oclini (ca. 1 ora) e saliamo in discreta pendenza, accompagnati dai pini mughi e dalla roccia di Dolomia fino alla cima del Corno Bianco (2.317 m), che offre una magnifica vista panoramica. Al ritorno, passiamo per il rifugio Gurndin. Questo tour, per via della salita relativamente breve e varia, è adatto anche alle famiglie. I piccoli escursionisti (dai 10 anni in su ca.) sono attesi da una suggestiva avventura in alta quota.

Tutti i tour

difficoltà media

Visita agli “omini di pietra” sulla Hohe Reisch

Punto di partenza: parcheggio Campitello-Giogo di San Genesio. Seguendo le indicazioni per la malga Möltner Kaser, saliamo a far visita agli “omini di pietra”. Poi, prendiamo il sentiero P per la Croce di Pozza (ristoro). Percorriamo per un breve tratto lo stesso percorso e, infine, imbocchiamo il sentiero 5 per tornare al punto di partenza.

Tutti i tour

difficoltà media

Tour dei tre castelli ad Appiano

Un’escursione di media difficoltà che ci conduce alla scoperta di tre famosi manieri: le rovine di Castel Boymont, Castel d’Appiano e Castel Corba. Il punto di partenza del tour è la piccola località di Missiano, più precisamente il parcheggio poco sotto a Castel Corba. Inizialmente camminiamo sulla strada asfaltata, accompagnati da frutteti e vigneti. Poi, ci addentriamo in un bosco, seguendo il sentiero 1 fino alla torre del gesso. Ci manteniamo sulla sinistra e proseguiamo verso Castel Appiano, raggiungendolo in poco tempo. Al suo interno, troviamo un punto ristoro, ideale per una sosta con una fantastica vista panoramica. Infine, facciamo rotta verso le rovine di Castel Boymont e, da qui, torniamo a Castel Corba.

Tutti i tour

difficoltà media

Percorso dei masi della Val d'Ultimo

Da Pracupola, ci avviamo verso la parte finale della valle fino ai segnavia. Qui svoltiamo a destra e seguiamo sempre l’indicazione “Ultner Höfeweg” su una stradina immersa nei prati, salendo leggermente fino a incontrare i primi masi. Proseguiamo lungo un tratto prevalentemente pianeggiante attraverso prati e masi, addentrandoci nella valle fino a San Nicolò. Affrontiamo un tratto in leggera salita nel bosco per raggiungere i masi nell’area del “Brunnwiesbachl” fino al fondovalle sotto la località di Santa Geltrude. Superiamo il ponte sopra il rio Valsura e continuiamo a seguire l'indicazione "Ultner Höfeweg”. Camminando sempre sulla destra orografica della valle, percorriamo sentieri e oltrepassiamo diversi masi fino a tornare a Pracupola lungo un tratto in prevalenza pianeggiante attraverso prati e boschi.

Tutti i tour

difficoltà bassa

Roggia di Lagundo

Questo suggestivo itinerario inizia dal parcheggio a est di Tel sotto Plars, accanto al ponte sull’Adige. Da qui seguiamo la chiara segnaletica “Algunder Waalweg” avanzando su un sentiero pianeggiante verso est. Dopo aver attraversato la strada di Plars, proseguiamo sempre lungo la roggia fino a rio Grubbach presso Lagundo. Qui il percorso scende per un breve tratto per poi tornare pianeggiante fino a Quarazze, dove confluisce nella strada che porta alla chiesa di San Pietro e ha inizio la Via Tappeiner, che conduce verso est. Torniamo al punto di partenza percorrendo la roggia.

Tutti i tour

difficoltà bassa

Escursione ai masi in Val Senales

Dal parcheggio di Vernagt presso la diga del lago, si prende la stradina asfaltata 2 che sale verso nord su prati al maso Tisenhof. Lasciando il 2, si gira a sinistra varcando il ruscello e toccando presto il maso Rafein. Si traversa a lungo il versante sul sentiero 9 nei lariceti, per arrivare al maso Finail; un’ora dalla partenza. Sulla stradina si scende al primo tornante, ove si svolta a destra per raggiungere la strada del fondovalle. Ivi si gira a sinistra scendendo ad un bivio, dal quale a destra si sale su una scala di legno al ponte sospeso. Varcata su quello la gola del torrente, si costeggia verso est la sponda selvosa del lago sul sentiero 13 A, che porta alla diga; attraversandola si torna al parcheggio di partenza.

Ecco il video.

Tutti i tour

difficoltà bassa

Tour del Lago di Caldaro

Il giro circolare inizia nell’area dei ristoranti e parcheggi all’angolo nord-occidentale del lago. Da qui si può completare l’itinerario (segnavia 3 e indicazioni “Seerundweg”) in entrambe le direzioni. Noi preferiamo l’escursione in senso antiorario. Prima percorriamo un tratto asfaltato, poi un sentiero naturale sul lato ovest del lago verso sud fino al paese di San Giuseppe al Lago. Dopo averlo attraversato e aver seguito per un breve tratto la strada, imbocchiamo l’antico sentiero fino all’angolo sud-occidentale del lago. Poi, prendiamo un sentiero asfaltato e giungiamo sul lato est, attraversando la sponda meridionale del lago. Prima, però, percorriamo per un breve tratto la strada e prendiamo il sentiero che si snoda in lontananza verso nord. Infine, completiamo l’ultima parte del percorso verso ovest, tornando al punto di partenza.

Tutti i tour

difficoltà bassa

Passeggiata Fenn e piramidi di terra al Renon

Al margine settentrionale del paese di Collalbo, svoltiamo a destra sulla Passeggiata Fenn (segnalata) e ci godiamo una piacevole escursione lungo un tratto in parte pianeggiante, in parte in lieve pendenza intorno al Monte Favogna verso est fino a un primo punto panoramico, da dove si possono già scorgere in lontananza le piramidi di terra. Da qui proseguiamo in leggera discesa verso Longomaso fino al Café Piramidi e, poi, a destra su un’ampia passeggiata attraverso i pendii della valletta di Rio Fosco, che offrono diversi scorci sulle piramidi di terra. Giunti a questo punto, si può anche tornare indietro. Tuttavia, è più appagante superare la profonda gola attraverso un bel sentiero e un ponte coperto, facendo tappa al santuario di Maria Saal.
Ritorno: fino a Longomaso stesso percorso dell’andata e, poi, tratto occidentale della passeggiata.

Tutti i tour

difficoltà bassa

Escursione circolare al Knottnkino

Prendiamo la funivia da Postal a Verano. Qui, seguiamo le indicazioni per il “Gasthof zum Grünen Baum” e percorriamo il sentiero 14 fino al Knottnkino, sul monte Rotsteinkogel. Poi, prendiamo il sentiero 11 per la malga Leadner o il ristorante Waldbichl. Infine, imbocchiamo il sentiero 16 e torniamo al punto di partenza a Verano. L’escursione può essere completata anche in direzione inversa.

Tutti i tour

difficoltà bassa

Passeggiata Tappeiner a Merano

Dalla chiesa parrocchiale di Merano procediamo verso est fino a “Porta Passiria” e raggiungiamo l’inizio dell’itinerario percorrendo la vecchia strada Passiria, caratterizzata da una lieve pendenza. Svoltiamo a sinistra sull’ampia passeggiata per la Torre Polveriera e proseguiamo verso ovest lungo un tratto pianeggiante fino alla località di Quarazze, dove la passeggiata si conclude poco dopo il ristorante Unterweger, all’altezza di Via Laurin. Al ritorno, seguiamo lo stesso percorso fino a sotto il ristorante Schlehdorf, da dove imbocchiamo il tragitto che si snoda tortuoso in discesa fino a Via Galilei e torniamo al punto di partenza attraverso i portici.

Tutti i tour

difficoltà bassa

Escursione circolare a Gargazzone

Dal theiner’s svoltiamo a sinistra e percorriamo la strada principale fino a Via Rio Eschio. Proseguiamo fino alla stazione di Gargazzone. Costeggiamo il campo da calcio e la piscina, svoltando a destra in direzione di Vilpiano. Passiamo tra le due serre e giungiamo sulla strada principale. Dopo averla attraversata, seguiamo le indicazioni per “Berghütten”. Il tragitto si fa decisamente più impervio e superiamo un paio di case fino ad arrivare sul sentiero panoramico sopra la valle. Lo percorriamo fino a tornare al centro del paese. Infine, facciamo ritorno al theiner’s garten.

Questo sito prevede l’utilizzo dei cookies per garantiere le migliori funzionalità. Si avverte che, in caso di disattivazione, potrebbe non essere garantita la completa funzionalità del sito.
OK
Dettagli
Disattivare